ASPETTANDO SANREMO

Credo che questa sia stata una delle canzoni che, in assoluto, ci abbia resi tutti più solidali e complici nelle nostre personalissime sofferenze d’amore. Anche verso gente che non stimiamo in modo particolare. Se non siamo ipocriti, possiamo tranquillamente confessarci che, in quella “Notte”, ci siamo buttati e riconosciuti dentro tutti. E tutti con le stesse identiche modalità di un dolore che ci si attacca allo stomaco, e che, “mentre la testa va in giro chiedendo i suoi perche’, il dolore continua a salire e a fare sempre più’ male””Ne’ vincitori ne’ vinti, siamo sconfitti a metà”…Balle!!! Perche’bisogna combattere per poter essere sconfitti, anche solo a meta’”. Qualcuno ti deve avvertire che c’e’ una guerra in atto. Qualcuno ti deve dare un’arma, anche spuntata, perche’ tu ti possa difendere. Invece, il
piu’delle volte,se ne vanno da vigliacchetti,anche se sono gia’ da un pezzo nell’eta’ adulta… E hanno pure la faccia come il lato B di lasciare a te la
responsabilita’di capire che ormai eravate rimasti solo amici(non te ne eri mai accorta?).E che quindi, adesso, lui puo’ fare quello che gli piace, con chi gli pare. Naturalmente il rispetto per chi ti e’ stata/stato vicino fino a un minuto prima, non e’ contemplato. Anzi, diventa un optional fastidioso. A quel punto, la Notte gliela daresti in testa. Con tutta la forza e la sofferenza per un amore in cui eri rimasta/o
solo tu a crederci.Ma la cosa piu’ bella arriva quando ti accorgi di quanto poco quella persona valga lontano da te! E, a quel punto, “la notte” puoi regalarla a chi ti ha sostituita…….

Un pensiero su “ASPETTANDO SANREMO

Rispondi